Desafios da concretização da cidadania ambiental em reservas extrativistas

Imagem de Miniatura
Tipo
Tese
Data
2018-12-12
Autores
Matos, Raimundo Giovanni França
Orientador
Silva , Solange Teles da
Título da Revista
ISSN da Revista
Título de Volume
Membros da banca
Marinho, Maria Edelvacy
Menezes, Daniel Francisco Nagao
Mont'Alverne, Tarin Cristino Frota
Leuzinger, Márcia Dieguez
Programa
Direito Político e Econômico
Resumo
The present thesis aimed to analyze how environmental citizenship models the State, notably a State of Environmental Law that emerged in Brazil, with emphasis on citizen participation in the management of conservation units. This may resignify the very relationship of humans to nature. In this context, the study of extractive reserves, a unit of conservation of sustainable use, was taken as a reference, when analyzing its management, to demonstrate the challenges of consolidating democratic practices identified in its deliberative councils. The analysis of the evolution of the relation between the human being and the nature is fundamental to understand a paradigm change in the appropriation of the nature resulting from an irreparable fault in the form of its exploration. In contextualizing this discussion, it was initially observed the formation of the State and its development, considering the very evolution of citizenship, from the perspective of the colonization of Brazil. The study of the development and trajectory of citizenship was carried out in order to understand the issue of social participation, the struggle and conquest for rights throughout history, including considering the evolution of citizenship from the Brazilian reality. The study made it possible to verify the importance of environmental education in citizen training and awareness of environmental duties and rights, including the historical formation of an environmental justice understanding through the participation of social groups, creation and formation of public policies to better involve civil society and the need for historical analysis of traditional populations and communities, considering their cultural identity, relations with nature, their own economy and specific relations regarding the territory they occupy and with society in general. Thus, it was important to verify the evolution of the legislation regarding policies to protect traditional communities, guarantee their rights and strengthen their participation in environmental issues, analyzing the difficulties specifically faced by extractive reserves, participation in their management and deliberative councils, considering its historical constitution, involvement of traditional communities, understanding of its legal process of creation. The research methodology considered consultation with the ICMBio through electronic means, which was frustrated by the lack of response, against the principle of information, with prediction in both constitutional, infraconstitutional and international agreements. In the absence of information, another analysis is carried out in graphs available in the reports of institutes regularly created to regulate extractive reserves, allowing the evaluation of citizen participation, from the processes of creation of extractive reserves to the implementation of the co-management through its deliberative councils and execution of management plans, identifying democratic practices that comply with the principles and objectives of a State of Environmental Law based on citizen participation. Even though deliberative councils and management plans are highlighted, their implementation does not occur in the same proportion, making it difficult to identify advances in the implementation of extractive reserves, although the participation of the traditional population in the extractive reserves has followed a path of relation between human beings and nature and affirmation of environmental citizenship, especially regarding the management of the conservation unit.
La presente tesi intendeva analizzare come la cittadinanza ambientale modella lo Stato, in particolare uno stato di diritto ambientale emerso in Brasile, con particolare attenzione alla partecipazione dei cittadini alla gestione delle unità di conservazione. Questo potrebbe rassegnare la relazione tra l'uomo e la natura. In questo contesto, si è preso come riferimento lo studio delle riserve estrattive, unità di uso conservazione sostenibile, quando si analizza la sua gestione, per dimostrare le sfide derivanti dal consolidamento di pratiche democratiche individuate nei loro consigli deliberativi. L'analisi dell'evoluzione della relazione tra l'essere umano e la natura è fondamentale per comprendere un cambio di paradigma nell'appropriazione della natura derivante da un difetto irreparabile nella sua esplorazione. Nel contestualizzare questa discussione, inizialmente è stata osservata la formazione dello Stato e il suo sviluppo, considerando l'evoluzione stessa della cittadinanza, dal punto di vista della colonizzazione del Brasile. Lo studio è stato condotto lo sviluppo e la traiettoria della cittadinanza al fine di comprendere la questione della partecipazione sociale, la lotta per i diritti e le conquiste nel corso della storia, compreso considerando l'evoluzione della cittadinanza dalla realtà brasiliana. Lo studio ha mostrato l'importanza dell'educazione ambientale in materia di istruzione e la consapevolezza dei doveri e dei diritti ambientali, tra cui la formazione storica di una comprensione per la giustizia ambientale dalla partecipazione dei gruppi sociali, la creazione e la formazione delle politiche pubbliche per la maggiore partecipazione civica la società civile e la necessità di analisi storiche delle popolazioni e comunità tradizionali, considerando la loro identità culturale, i rapporti con la natura, la propria economia e le relazioni specifiche riguardanti il territorio che occupano e con la società in generale. Pertanto, era importante verificare l'evoluzione della legislazione in materia di politiche per proteggere le comunità tradizionali, garantire i loro diritti e rafforzare la loro partecipazione alle questioni ambientali, analizzando le difficoltà specificamente affrontate dalle riserve estrattive, la partecipazione alla loro gestione e consigli deliberativi, considerando la sua costituzione storica, il coinvolgimento delle comunità tradizionali, la comprensione del suo processo legale di creazione. La metodologia di ricerca ha considerato la consultazione con l'ICMBio attraverso mezzi elettronici, che è stata frustrata dalla mancanza di risposta, contro il principio di informazione, con previsioni sia negli accordi costituzionali, infracostituzionali e internazionali. In assenza di informazioni, un'altra analisi viene effettuata sulla grafica disponibili negli Istituti rapporti creati con regolarità per la regolazione delle riserve estrattive consentendo valutare la partecipazione dei cittadini, in quanto i processi di creazione di riserve estrattive per l'attuazione della cogestione attraverso il suo consiglio deliberativo ed esecuzione dei piani di gestione, identificando le pratiche democratiche conformi ai principi e agli obiettivi di uno stato di diritto ambientale basato sulla partecipazione dei cittadini. Anche se ha evidenziato l'esistenza di consigli deliberativi e piani di gestione, la sua attuazione non si verifica alla stessa velocità, il che rende difficile individuare i progressi compiuti nell'attuazione delle riserve estrattive, anche se la partecipazione delle popolazioni tradizionali in riserve estrattive ha seguito un percorso di ressignicação relazione tra esseri umani e natura e affermazione della cittadinanza ambientale, in particolare per quanto riguarda la gestione dell'unità di conservazione.
Descrição
Palavras-chave
cidadania ambiental , participação pública , Estado de Direito ambiental , reservas extrativistas
Citação
MATOS, Raimundo Giovanni França. Desafios da concretização da cidadania ambiental em reservas extrativistas. 2018. 213 f. Tese (Direito Político e Econômico) - Universidade Presbiteriana Mackenzie, São Paulo .